Sale San Giovanni: la lavanda piemontese

Oggi vi parliamo dell’ultimo weekend in camper in cui abbiamo deciso di avventurarci nella “Provenza” piemontese ovvero Sale San Giovanni!
Almeno per quanto riguarda i profumi ed i colori, abbiamo scoperto che nelle Langhe è possibile ammirare i campi di lavanda e passeggiare nei campi di grano… talmente belli che sembra di essere in una pubblicità!

Il paese di Sale San Giovanni è un pochino arroccato e non troppo accessibile per i camper, soprattutto in orari e periodi di punta. Abbiamo quindi preferito parcheggiare nel paese limitrofo di Sale delle Langhe in questo ampio parcheggio con alcuni tavoli da pic-nic (Coordinate GPS: 44.395583, 8.081323). Qui potrete anche fermarvi a dormire, nella stagione estiva troverete abitualmente dei camperisti che pernottano:

L’ampio parcheggio di Sale delle Langhe

Una valida alternativa, se arrivate la mattina presto o in periodi meno affollati, è sicuramente il parcheggio vicino al centro storico di Sale San Giovanni, nei pressi della Pieve (Coordinate GPS: 44.401414, 8.077795) così da risparmiare un paio di chilometri a piedi.

Il periodo migliore per le fioriture di lavanda e grano è giugno inoltrato: noi siamo stati lì il weekend del 20-21 giugno. Abbiamo seguito il percorso ad anello suggerito su questo sito. Da qui potrete scaricare il percorso GPS e controllare l’avanzamento passo dopo passo dal vostro smartphone.

Se avete uno smartphone Android, vi consigliamo di installare l’app GPX Viewer per seguire fedelmente il percorso. Ci sono, infatti, molte deviazioni e a volte non è facile orientarsi: ci è capitato di trovare altri turisti un po’ inesperti alla ricerca disperata dei campi di lavanda!

Questo percorso prevede circa 7 Km immersi nei campi, con tanti scorci sulle colline e piuttosto tranquillo rispetto alle zone più battute dai turisti che si accontentano di scendere dall’auto e scattare qualche foto nei campi di lavanda.

Dopo il primo tratto prevalentemente boschivo che porta da Sale delle Langhe a Sale San Giovanni, iniziamo a percorrere bellissime stradine e sentieri, avvistando in lontananza i primi campi di lavanda. Emozionante a dir poco, sia il colpo d’occhio sia l’intensità dei colori!

I campi di lavanda in lontananza

Lungo il sentiero potrete vedere anche fioriture di elicriso, fiori tipicamente gialli e selvatici, un tocco di colore nel verde predominante della primavera inoltrata.

Poco più avanti ci troviamo davanti il primo campo dove poter entrare e sbizzarrirci con foto e video, tra il profumo inebriante ed il viola intenso dei cespi di lavanda.

I campi di lavanda a Sale San Giovanni
I campi di lavanda di Sale San GIovanni

La passeggiata continua, troviamo nell’ordine dei campi enormi di grano, anche questi davvero suggestivi perché si avvicina il periodo del taglio e le tonalità dorate sono spettacolari!

Vi ricordiamo in ogni caso che non si può assolutamente raccogliere fiori nei campi, ma troverete diversi negozi nel paese una volta terminata la passeggiata. Vi invitiamo anche a rispettare al massimo le colture perché l’opportunità di passeggiare nei campi che gli agricoltori concedono ai turisti è davvero generosa.

Nell’ultimo percorso verso il paese, vediamo un campo fiorito prevalentemente di bianco…ma non riusciamo a capire esattamente quale sia la coltivazione (ovviamente vi riportiamo la foto!)

Un po’ stanchi ed accaldati, ci avviciniamo finalmente al centro del paese. Sale San Giovanni è un paese davvero piccolo, conta soltanto 180 abitanti ma è diventato famoso per le competenze erboristiche e la coltivazione dell’Enkir, una qualità di grano tra le più antiche in assoluto e ricco di proprietà nutritive. A queste particolarità si aggiungono le bellezze paesaggistiche: ci troviamo nelle basse langhe del cuneese, sulla strada del mare a pochi chilometri da Ceva, dove le colline si susseguono senza fine.

I campi di enkir a Sale San Giovanni
I campi di Enkir

Entrando in paese troviamo la Pieve di San Giovanni Battista, un edificio religioso risalente all’XI secolo e costruito sulle fondamenta di un tempio pagano quasi interamente in pietra. Molto ben conservato e ricca di affreschi, non perdetevela!

L’interno della Pieve di San Giovanni Battista

Il centro storico è poi dominato dal Castello Marchesi Incisa di Camerana, dimora storica risalente al XIII secolo circa ed appartenuto a diversi signori locali e attualmente di proprietà priva e non sembra al momento visitabile internamente.

Il castello di Sale San Giovanni
Il Castello

Accanto al castello troverete la Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, di più recente costruzione e attualmente dedicata alle funzioni religiose, a differenza della Pieve che ora è una Chiesa cimiteriale.

Una bellissima esperienza, sicuramente da ripetere, magari facendo tappa in una vacanza verso il mare! Garantiamo che i campi di lavanda sono sterminati e la location è ospitale e molto rilassante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.